E-commerce in Italia: decollo lento ma si vola
16 novembre 2015

In Italia è passione e-commerce: il Bel Paese, abituato a mostrare trend negativi nel suo PIL, sorprende sul versante commercio elettronico con dei numeri davvero interessanti: secondo il report “E-Commerce in Italia 2015” realizzato da Casaleggio Associati, l’e-commerce ha registrato nel 2014 un incremento dell’8% rispetto all’anno precedente ed un fatturato di circa 24,2 miliardi di euro.

 

I giganti dell’e-commerce

Attori incontrastati della crescita sono i marketplace, come eBay o Amazon, che nel 2014 hanno aumentato del 55% il proprio fatturato (Fonte: Casaleggio Associati) e che devono la loro ascesa alla possibilità offerta al consumatore di confrontare i prodotti di più brand, proprio come in un grande centro commerciale online. D’altra parte, l’affermazione dei marketplace ha consentito a piccoli e medi venditori italiani di affacciarsi ai mercati esteri, dove la minore sensibilità ai prezzi dei consumatori consente margini maggiori.

 

Cosa comprano gli italiani online?

Secondo lo studio “eCommerce Index – Evoluzione degli acquisti degli italiani” condotto da Netcomm e Human Highway e diffuso lo scorso Giugno 2015, gli acquisti online seguono le stagioni. Se nel periodo invernale, gli italiani, avevano acquistato:

  1. pc e tablet, 16,1%
  2. smartphone 12,9%
  3. elettrodomestici 12,1%

nel secondo trimestre del 2015 in cima alla classifica troviamo:

  1. libri 15,4%
  2. biglietti aerei 13,1%
  3. abbigliamento 12,5%

 

Le motivazioni dell’acquisto online

Rispetto alle motivazioni che portano all’acquisto online, dalla ricerca dedicata al Digital Retail pubblicata da PwC nel Giugno 2015 emerge che il consumatore italiano predilige il canale digitale in primo luogo per la possibilità di ottenere prezzi inferiori rispetto al negozio fisico (67% degli intervistati).

Altre leve potenti per motivare i consumatori italiani a comprare online sono la possibilità di accedere allo store online 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 (47% degli intervistati) e la maggiore facilità di confrontare prodotti e prezzi rispetto al negozio fisico (31%).

 

Mobile Commerce

Secondo l’Osservatorio eCommerce B2C Netcomm – Politecnico di Milano, 1 acquisto online su 4 avviene via smartphone o tablet.

Gli acquisti tramite smartphone sono cresciuti, infatti, del 78% nel 2014 e stanno registrando un’ulteriore crescita del 68% nel 2015. Il valore del fatturato del mobile commerce si è triplicato in soli due anni, da un totale di 610 milioni nel 2013 a 1,8 miliardi di euro nel 2015.

Risulta evidente come la realizzazione di app dedicate e di siti web responsive sia ormai essenziale per il successo del proprio shop online.

 

Per concludere…

Le opportunità per chi decide di esplorare le nuove frontiere del commercio elettronico sono, in definitiva, tante, ma vi è anche una sfida da tenere in conto: il confronto con il Consumatore Online, che sfuggendo alle tradizionali regole del marketing, è informatissimo, review-dipendente, attento all’etica, abile nel comparare i prezzi online e pronto a premiare chi gli propone la migliore offerta con un passaparola digitale.

Categorie:
Tags: